.
Annunci online

 
Diario
 




______________________________




______________________________


Danza:

- Akram Khan Company / National Ballet Of China - bahok
- Alias Compagnie - Escucha Mi Cantar
- Ballet Du Grand Theatre De Geneve - Para-Dice, Selon Desir, Loin
- Ballet National De Marseille - La Citè Radieuse
- Balletto di Torino - .Ray Man and other works
- Centre Choregraphique National De Nantes Claude Brumachon & Benjamin Lamarche - Le Temoin
- Cie Bud Blumenthal/Hybrid - Les Reflets D'Ulysse
- Compagnia Abbondanza/Bertoni - Medea
- Compagnia Abbondanza/Bertoni - Polis
- Compagnie Heddy Maalem - Un Petit Moment De Faiblesse, Etude Nue, Le Sacre Du Printemps
- Company Blu - La casa invisibile
- Dancetheatre Of The National Theatre Of Northern Greece - Swan Lake City
- Do Theatre - Hopeless Games
- Ersiliadanza - Il Corpo
- Granular Synthesis & Angelin Preljocaj Ballet - N
- Le Guetteur, Luc Petton & Cie - Oscar
- Louis-Philippe Demers - L'assemblèe & Le Procès
- Merce Cunningham Dance Company - Events
- Merce Cunningham Dance Company - Pond Way, Native Green, Views On Stage
- Merce Cunningham Dance Company - Pond Way, Views On Stage, Sounddance
- Moving Into Dance-Mophatong - Mzansi-African Crossing
- Paola Bianchi - Come Conigli (visioni irrazionali)
- Polish Dance Theatre - Barocco, Zefirum, The Dove's Necklace
- Project Bandaloop - Crossing, Stories Of Gravity And Transformation
- Random Dance - Ataxia
- Rennie Harris, Puremovement - Repertory
- Rosas - Once & Desh
- Shen Wei Dance Arts - Rite Of Spring & Folding
- Stephen Petronio Company - Lareigne, Bud Suite, The Rite Part
- Stephen Petronio Company - Strange Attractors
- Studio Tanka - Silent Desert
- Von Krahl Theatre - The Swan Lake


19 luglio 2005

Danza: Von Krahl Theatre - The Swan Lake



Prendere un classico della danza, ma anche della musica o dell'arte, e rivisitarlo in chiave più o meno originale è sempre un azzardo. Il paragone è sempre dietro l'angolo, e di solito suona impietoso.
Porsi in confronto con opere di grande valore e conosciute a tanti non è semplice, però è stimolante; in alcuni casi ci si trova di fronte a lavori interessanti, spiazzanti, intelligenti, ma nella maggior parte dei casi il risultato è contraddittorio o poco riuscito.
E' il caso di questa rilettura del "Lago dei cigni" effettuata dal coreografo russo Sasha Pepelyaev in collaborazione con il regista estone Peeter Jalakas. Proposito dei due autori è quello di spogliare il "Lago dei cigni" di ogni sua valenza narrativa, per analizzare invece come l'arte sia stata spesso utilizzata per fini propagandistici o ideologici. La rappresentazione è ironica e dissacrante; la coreografie delle danzatrici e dei "cigni" viene contrapposta ad elementi dell'iconografia militare, come ad esempio le uniformi, mentre sullo sfondo, piccoli brani del balletto classico vengono proiettati in alternanza a scene di addestramento e di guerra.

Questa performance, della durata di 90 minuti senza alcuna pausa, con il tempo però si dimostra ripetitiva; i secchi, i bidoni, le lenzuola utilizzate come elementi di scena perdono di efficacia, e così anche le immagini proposte.
La satira contro la strumentalizzazione dell'arte finisce quindi per risultare un po' sterile, e lo spettacolo più interessante nelle intenzioni che non nel risultato.




permalink | inviato da il 19/7/2005 alle 16:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

sfoglia     giugno        agosto
 

 rubriche

Diario
Piccole_gioie_quotidiane

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom