.
Annunci online

 
Diario
 




______________________________




______________________________


Danza:

- Akram Khan Company / National Ballet Of China - bahok
- Alias Compagnie - Escucha Mi Cantar
- Ballet Du Grand Theatre De Geneve - Para-Dice, Selon Desir, Loin
- Ballet National De Marseille - La Citè Radieuse
- Balletto di Torino - .Ray Man and other works
- Centre Choregraphique National De Nantes Claude Brumachon & Benjamin Lamarche - Le Temoin
- Cie Bud Blumenthal/Hybrid - Les Reflets D'Ulysse
- Compagnia Abbondanza/Bertoni - Medea
- Compagnia Abbondanza/Bertoni - Polis
- Compagnie Heddy Maalem - Un Petit Moment De Faiblesse, Etude Nue, Le Sacre Du Printemps
- Company Blu - La casa invisibile
- Dancetheatre Of The National Theatre Of Northern Greece - Swan Lake City
- Do Theatre - Hopeless Games
- Ersiliadanza - Il Corpo
- Granular Synthesis & Angelin Preljocaj Ballet - N
- Le Guetteur, Luc Petton & Cie - Oscar
- Louis-Philippe Demers - L'assemblèe & Le Procès
- Merce Cunningham Dance Company - Events
- Merce Cunningham Dance Company - Pond Way, Native Green, Views On Stage
- Merce Cunningham Dance Company - Pond Way, Views On Stage, Sounddance
- Moving Into Dance-Mophatong - Mzansi-African Crossing
- Paola Bianchi - Come Conigli (visioni irrazionali)
- Polish Dance Theatre - Barocco, Zefirum, The Dove's Necklace
- Project Bandaloop - Crossing, Stories Of Gravity And Transformation
- Random Dance - Ataxia
- Rennie Harris, Puremovement - Repertory
- Rosas - Once & Desh
- Shen Wei Dance Arts - Rite Of Spring & Folding
- Stephen Petronio Company - Lareigne, Bud Suite, The Rite Part
- Stephen Petronio Company - Strange Attractors
- Studio Tanka - Silent Desert
- Von Krahl Theatre - The Swan Lake


9 settembre 2004

Danza: Cie Bud Blumenthal/Hybrid - Les Reflets D'Ulysse




 




 

Per quest'opera corale, il coreografo americano ma di formazione belga Bud Blumenthal si è ispirato alla figura di Ulisse, sia il personaggio classico dell'Odissea di Omero che l'uomo comune raccontato da James Joyce. Tema dominante è il viaggio, un viaggio interiore alla scoperta di sè stessi e della realtà che ci sta attorno. Una rappresentazione esteticamente elegante ci trascina tra lo stordimento e l'isolamento della società industriale, fino alla crescente rete di rapporti personali che si conclude con una possibile armonia con chi ci sta vicino.
Difficile stabilire quale elemento dell'opera sia migliore rispetto agli altri, se le musiche stranianti ed avvolgenti che ricordano i lavori cerebrali di Autechre e Aphex Twin, oppure la scenografia essenziale, composta in parte da semplici oggetti di scena ed in parte da proiezioni d'immagini molto d'impatto, oppure infine il movimento dei sei danzatori, curato, preciso e pulito.
Ma la caratteristica che più colpisce è la contemporaneità del lavoro di Blumenthal, una fotografia reale dei cambiamenti in atto nella nostra vita, dovuti al progresso ed alla tecnologia, e di come questi ci costringano momento dopo momento ad adattarci e reinventarci. Un'opera di grande valore sociale quindi, superiore nella parte puramente estetica rispetto a quella narrativa, ma che lascia grandi emozioni.

http://www.orienteoccidente.it




permalink | inviato da il 9/9/2004 alle 12:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia            ottobre
 

 rubriche

Diario
Piccole_gioie_quotidiane

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Blog letto 310306 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom